Trading Contratti Derivati Swap

I derivati swap sono strumenti utilizzati da istituti finanziari ed aziende per ridurre i costi di finanziamento e per proteggersi contro il rischio fallimento di una entità terza.

Il trading di contratti derivati swap avviene principalmente per proteggersi da un rischio specifico (copertura) o per speculazione, e consiste nella sottoscrizione di contratti relativi a tassi di interesse (“Interest rate swap” o IRS), di cambio (“Foreign exchange swap” e “Foreign currency swap”) o rischio di insolvenza (“Credit default swap” o CDS).

plus500

 

Un classico esempio di trading di contratti derivati swap di copertura è quello di una banca con entrate provenienti da attività patrimoniali con tasso fisso (prestiti) ed uscite provenienti da passività con tasso variabile (depositi). Per ottimizzare la gestione di cassa e tutelarsi da futuri incrementi dei tassi di interesse (che comporterebbero maggiori oneri sui depositi), questa effettuerà trading di contratti derivati swap con un’altra banca le cui operazioni sono caratterizzate da flussi di cassa opposti. Il risultato sarà un flusso di cassa ottimizzato per entrambe le banche, con entrate ed uscite dello stesso tipo (fisso o variabile). Il derivato swap oggetto di una transazione di questo tipo (interessi fisso-variabile) è tra i più comuni ed prende il nome di plain vanilla.

L’approccio più speculativo del trading su contratti derivati swap è invece quello di un investitore che scommette su andamenti di tassi di interesse, cambi e rischio di default. Prendendo come esempio gli swap sui tassi di interesse (IRS), l’investitore che prevede un aumento dei tassi acquisterà un derivato swap (posizione long) ricevendo interessi variabili e pagando interessi fissi. Se le sue previsioni saranno corrette, il trading su contratti derivati swap dell’investitore aumenterà di valore, risultando in un ritorno sull’investimento (ROI) maggiore.

Il trading su contratti derivati swap è quindi un’opportunità sia per strategie di copertura che per speculazione sull’andamento dei principali indicatori di mercato.