Hedging Strategy

Notizie


Indici USA, sintesi settimanale 28 maggio

05/28/2013
In questa news vi offriamo informazioni utili per investire in opzioni sugli indici americani. La borsa americana ha contenuto piuttosto bene le perdite di giovedì cedendo una percentuale davvero minima, lo 0,08%.Nella chiusura di Vener ...
Leggi tutto

Settimana, previsto ribasso

05/26/2013
Sebbene la maggior parte degli investitori preveda che il trend rialzista continui nel medio termine, per la settimana che verrà le previsioni dicono che la partenza degli indici di Borsa [1] sarà in ribasso. Il duro colpo subito gio ...
Leggi tutto

Maggio, un mese tutto da investire

05/11/2013
Questo maggio 2013 si sta rivelando più interessante per il trading online [1] di quanto già si pensasse. Infatti, alle performance e i giudizi internazionali su Unicredit si sono uniti anche i fatti: gli utili. Ieri, venerdì 10 m ...
Leggi tutto

L’hedging è una tecnica per la gestione del rischio relativo del proprio portafoglio usata sia da aziende ed istituti finanziari che da utenti privati per minimizzare le perdite sul capitale impiegato, soprattutto nella compravendita azioni. I derivati sono tra gli strumenti più utilizzati in una strategia di hedging e funzionano come un’assicurazione, andando a tutelare l’utente in caso di situazioni di mercato avverse, compensando l’eventuale perdita sulla posizione aperta con un guadagno di pari importo. Una strategia di hedging non ha però lo scopo di garantire guadagni all’utente, bensì di ridurre o eliminare il rischio inerente una specifica transazione. Vale la pena notare come si possa applicare una strategia di hedging al proprio portafoglio operativo oltre che al singolo asset. E’ infatti possibile ridurre il rischio complessivo di un insieme di titoli (“basket”) conoscendo il loro indice di correlazione: una buona strategia di hedging andrà a scegliere asset correlati negativamente, il cui prezzo cioè si muove in direzione opposta.

I derivati di copertura utilizzati in una strategia di hedging sono principalmente forward, future, opzioni e swaps. Il trader che acquista questo tipo di derivati di copertura avrà una posizione “long” (in caso di opzione “put” sarà invece “short”) ed andrà a proteggersi contro eventuali incrementi di prezzo futuri del bene sottostante.

Una classica strategia di hedging per l’acquisto di azioni è l’acquisto “protective put”: per tutelarsi contro una caduta dei prezzi, un cliente che abbia una posizione lunga andrà a coprirsi acquistando opzioni di vendita (“put”) per la stessa azione ad un prezzo prestabilito. Se il prezzo salirà come sperato, l’utente realizzerà capital gain al netto del costo dell’opzione. Se il prezzo invece scenderà, la perdita sull’azione sarà limitata ad un importo massimo grazie al valore crescente dell’opzione.

Grazie ad una buona strategia di hedging il trader può investire sui derivati ma al tempo stesso assicurare le proprie posizioni aperte ed i proprio portafoglio contro situazioni di mercato avverse e conoscere in anticipo la perdita massima.