Copertura di Indici, Invece che Indice di Copertura.

I derivati possono essere usati per speculazione, arbitraggio e per copertura delle proprio posizioni aperte sui vari mercati. Quest’ultima tecnica è chiamata copertura (“hedging”), può essere di indici, ed è utilizzata da aziende, istituti finanziari ed investitori privati di tutto il mondo come assicurazione per eventi non previsti che possano compromettere il ritorno del portafoglio investimenti.

plus500

La copertura di indici è in particolare una valida strategia per proteggersi contro ribassi di mercato o di settori specifici, come il tecnologico, alimentare o energetico.

Prendiamo come esempio un investitore che abbia appena comprato azioni della società tecnologica ABC per un controvalore pari ad 1 milione di Euro. Pochi giorni dopo, viene a conoscenza che la società XYZ, competitor di ABC, sta avendo un trimestre negativo, con un sostanziale calo di fatturato e utile operativo.

L’investitore sa per esperienza che non appena questo tipo di notizie negative sono pubblicate, l’interno comparto tecnologico subisce un calo delle quotazioni, comprese quindi le azioni di ABC da lui possedute. Decide quindi di effettuare una copertura di indici, andando corto su un ammontare di future relativi al comparto tecnologico pari ad 1 milione di Euro.

Se le previsioni dell’investitore sono corrette e l’indice del comparto tecnologico perde valore, egli potrà sfruttare la sua copertura di indici e beneficiare della sua posizione corta, traendone un profitto tale da mitigare o annullare del tutto le minusvalenze sulle azioni della ABC.

L’investitore potrebbe comunque aver venduto direttamente le azioni senza effettuare alcuna copertura di indici: il problema sarebbe però stato la mancanza di liquidità, in sostanza la difficoltà di trovare un acquirente che accetti di pagare un prezzo troppo alto per una società che ha appena annunciato alte perdite.

La copertura di indici è quindi uno strumento essenziale al trader per tutelare il proprio portafoglio investmenti e gestire il proprio capitale anche in condizioni di mercato avverse.